A cura della Redazione
Trecase. Posta non conegnata, la rabbia dei cittadini Siamo alle solite. Da settimane la posta non viene consegnata normalmente a Trecase. E´ un vero e proprio abuso nei confronti del cittadino che ne paga due volte le spese, quella dell’affrancatura a suo carico e la penale per il ritardato pagamento delle bollette e affini, senza accennare ad altre celate e gravi conseguenze. Lascio a voi la scelta per aggettivare il disservizio perpetrato in special modo in questo lungo periodo estivo. Io non ricevo la posta da oltre un mese, ed ho dovuto telefonare ai preposti per pagare in ritardo le utenze domestiche, luce, telefono ed altro. A tutt’oggi, che è in scadenza la prima rata della Tares, non mi è giunta ancora alcuna missiva. E il tutto giace in crescenza negli uffici postali sul prolungamento di via Vesuvio, dove non esiste persona responsabile che possa dirti o fare qualcosa in merito alla “cosa”. Solo arroganza; tanta arroganza che talvolta istiga al diverbio. Ore e ore a reclamare il tuo dovuto, e seppure qualche anima buona compare, dopo lunga ricerca ti consegna qualcosa logicamente di scaduto. Una missiva INPS di maggio oppure altro. A sentito dire, “il fatto” è stato anche più volte denunciato a chi di competenza, ma nulla di nuovo sembra emergere alla luce, sebbene l’ombra di qualche addetto alla consegna appare e scompare da "fantasma" buono. NINO VICIDOMINI