A cura della Redazione
Pompei. Rincari Tares, i cittadini si preparano alla mazzata La nuova tassa sui servizi comunali (Tares) ha avuto in più di un’occasione precisi chiarimenti dall’Amministrazione di Pompei: le prime due rate della bolletta spedita ai domicili degli utenti-contribuenti equivalgono nell’ammontare alla tassa sulla spazzatura (Tarsu) pagata negli anni precedenti. Non finisce con questi due pagamenti la partecipazione dei cittadini all’onere dei servizi comunali. Con una recente missiva, il Comune di Pompei ha precisato che ci sarà un conguaglio finale. Se la comunicazione a Pompei viaggiasse sempre così chiara e veloce, Il Comune sarebbe tra i primi d’Italia in tema di trasparenza. L’informativa delle giunta di Claudio d’Alessio (foto) è arrivata dalla discussione di un punto all’ordine del giorno dell’ultimo Consiglio comunale. Successivamente un manifesto ha spiegato in modo chiaro ai contribuenti cosa si devono aspettare (per il momento) in materia di tasse comunali. Le bollette già emesse riguardano il pagamento del servizio di prelievo dei rifiuti soldi urbani, mentre la terza tranche (ancora de definire nell’importo) riguarda altri servizi, che non sono stati ancora precisati. Si dovrà probabilmente pagare anche la manutenzione stradale e l’illuminazione pubblica. Il Comune di Pompei, tramite la sua società di servizi finanziari, si riserva di far sapere nel prossimo autunno quale sarà l’importo della terza bolletta rimasta sospesa. Una famiglia media, con la casa di 100 metri quadrati, subirà rincari di circa 50 euro. Si tratta, in ogni caso, di una nuova batosta per gli utenti pompeiani, perché servizi del genere non erano, sino ad ieri, pagati direttamente dai contribuenti ma "coperti" con i contributi governativi. Ora che è previsto un loro taglio a seguito della sospensione dell’Imu sulla prima casa, si spiega la strategia fiscale dei Comuni, tra i quali rientra Pompei. Se l’imposizione sulla prima casa sarà tagliata definitivamente, è probabile che l’integrazione Tares includerà numerose voci di spesa ed aumenterà di importo. L’argomento fatalmente apre il fronte delle polemiche sulla qualità dei servizi comunali, ritenuti scadenti dalla popolazione. MARIO CARDONE twitter: @mariocardone2