A cura della Redazione
Pompei. La Basilica aperta di sera ai fedeli Porte aperte nel Santuario della Vergine del Rosario. La cattedrale mariana di Pompei apre le sue porte a pellegrini, visitatori e semplici curiosi nella notte del 23 maggio. L’iniziativa, nuova nel suo genere, è stata organizzata dall’Ufficio diocesano di Pastorale Giovanile, guidato da Don Ivan Licinio. Giovedì prossimo sarà possibile visitare la Basilica alle 21. L’iniziativa è stata realizzata con la collaborazione dell’Associazione “Pompei Tourist Tutors”, i cui volontari saranno le guide del tour che prevede la visita della Basilica, della Cripta e del Campanile. La partecipazione è assolutamente gratuita, ma come sempre, in casi del genere, è necessaria la prenotazione da effettuare entro lunedì 20 maggio, chiamando il numero 333.41.07.327 o scrivendo a spg.pompei@hotmail.com. «Con questa iniziativa – ha detto il suo ideatore, il sacerdote Ivan Licinio – vogliamo far “riaffezionare” i ragazzi al loro Santuario. La nostra idea è quella di mostrare ai giovani che la Basilica non è solo un luogo di fede, ma anche di arte, un monumento del quale si può essere legitt5imamente orgogliosi! Soprattutto dopo i recenti interventi di restauro». Intanto, continua il grande afflusso di pellegrini a Pompei. Ogni giorno giungono molti visitatori in Basilica. Il motivo è quello di sciogliere un voto o di chiedere grazie alla Madonna. Moltissimi sono quelli che giungono nella città mariana a piedi, percorrendo anche molti chilometri. Il 25 maggio, ultimo sabato del mese, è tempo di pellegrinaggi, una tradizione consolidata che perdura da molti anni. Sono previsti pellegrinaggi delle Diocesi di Sorrento-Castellammare di Stabia e di Napoli. Primi a giungere a Pompei saranno i fedeli della Diocesi costiera, guidata da monsignor Francesco Alfano che, intorno alle 6.30, si ritroveranno nel piazzale Beato Giovanni XXIII per partecipare alla santa Messa, presieduta dal loro Arcivescovo e concelebrata dai sacerdoti che saranno alla guida del pellegrinaggio. I fedeli partiranno in due momenti distinti, intorno alla mezzanotte da Sorrento e alle 4 del mattino da Castellammare. Si riuniranno in preghiera a Pompei alle prime luci dell’alba. In serata, giungerà, come ogni anno, una processione di fedeli proveniente dalla Diocesi partenopea. “Con Maria sui passi della fede” è il tema che sarà al centro della meditazione del pellegrinaggio dell’Azione Cattolica napoletana. Il punto di ritrovo è la Basilica di S. Maria del Carmine Maggiore, dalla quale, alle 13, dopo la benedizione, partirà la prima schiera di pellegrini che attraverserà diverse tappe intermedie nelle quali si aggiungeranno altri fedeli alla processione. Alle 16, presso la Basilica di San Ciro a Portici, e alle 16.30 nella parrocchia Santa Caterina di Ercolano. Si proseguirà verso Torre del Greco, dove, alle 17.30, la processione di fedeli diretta a Pompei si fermerà alla Basilica di Santa Croce e, alle 18.30, al Santuario di Maria Santissima del Buon Consiglio. Ultima tappa è Torre Annunziata, dove al Santuario dello Spirito Santo si aggregheranno gli ultimi fedeli alla comitiva di devoti. L’arrivo a Pompei è previsto intorno alle 21.30 nell’area Meeting della cittadella cattolica, dove sarà recitato il Santo Rosario. Alle 22, il Cardinale Crescenzio Sepe, Arcivescovo di Napoli, presiederà la santa Messa che segnerà la chiusura del pellegrinaggio. MARIO CARDONE twitter: @mariocardone2