A cura della Redazione
Pompei. "L´invasione degli Angeli", l´arte per i giovani Una positiva iniziativa per la formazione delle leve giovanili di tre Comuni del Vesuviano (Pompei, Torre del Greco e Torre Annunziata) è stata presentata a Pompei da Gigi De Luca, che nel settore artistico a 360° rappresenta una garanzia per la pluriennale esperienza nel comparto, ed è ideatore ed esecutore, tra gli altri, dell’Etnofestival che si svolge da circa 20 anni nelle Ville Vesuviane. Insieme a lui l’assessore Pasquale Avino ed il presidente del Forum dei Giovani Giovanni Maria Starace, oltre ai rappresentanti della stampa locale. Il progetto “L’invasione degli Angeli” (dove gli angeli sono i giovani artisti, che, ci auguriamo, siano nella maggior parte pompeiani) è stato promosso dal Dipartimento della Gioventù presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri e dall´Associazione dei Comuni Italiani. (ANCI). Prevede un bando per la selezione e la formazione di cento giovani artisti nelle più varie discipline dello spettacolo delle città di Torre del Greco, Pompei, Torre Annunziata. E’ finalizzato a stimolare i talenti artistici delle giovani generazioni, interessati al mondo culturale e dello spettacolo, in cerca di uno sbocco professionale. I giovani campani hanno tempo fino al 15 ottobre per iscriversi al bando di selezione riservato a cento artisti in erba. I vincitori riceveranno una borsa di studio di mille euro. ll titolo “Invasione degli Angeli” rimanda alla una simbolica invasione sul nostro territorio di giovani artisti, appunto gli angeli, provenienti da ambiti e discipline diverse, ma accomunati dalla stessa sviscerata passione per l’arte. Il progetto vuole da un lato tracciare un filo rosso tra i diversi linguaggi dell’arte (musica, teatro, danza, pittura), e dall´altro costituire un osservatorio delle presenze artistiche sul territorio vesuviano. “L’invasione degli Angeli” intende recuperare la memoria della tradizione del linguaggio artistico del territorio per incentivare l’interesse dei giovani verso forme d’attività che possono diventare in futuro una vera e propria professione. Al termine del corso è previsto uno spettacolo della durata di tre giorni (che sarà chiamata la “Festa degli Angeli”) che andrà in scena in una serie di spazi attrezzati e l’esposizione di saggi artistici delle città vesuviane. E’ previsto l’allestimento di aree per spettacoli e perfomances, concerti, danze, mostre e conferenze nelle cornici monumentali di Pompei, Torre Annunziata e Torre del Greco. MARIO CARDONE