A cura della Redazione
Pompei. Musica e storia, gli eventi estivi nella città mariana “Non ci sarà fine settimana senza musica a Pompei”. Parola del sindaco Claudio D’Alessio, che ha inaugurato la conferenza stampa degli eventi estivi: ben ventiquattro manifestazioni senza contare “Le Lune di Pompei”. Il budget messo a disposizione dall’Amministrazione comunale si aggira intorno ai 40 mila euro: ben poca cosa se si tiene conto della qualità della musica che sarà eseguita e del talento degli artisti che si esibiranno sotto le stelle nelle splendide serate pompeiane. A dividersi il merito dell’iniziativa estiva, l’assessore ai Grandi Eventi, Giuseppe Tortora (per un concerto d’autore con tenore e pianoforte, uno di musica classica napoletana, uno spettacolo di cabaret e la Kermesse finale di miss Pompei); e l’assessore al Turismo, Pasquale Avino, che ha organizzato i concerti di musica Jazz, blues, soul e musica da camera. Le location individuate per promuovere il turismo, in collaborazione con le associazioni dei commercianti, sono via Lepanto, via Roma, Piazza Anfiteatro. Ogni postazione ospiterà una miniband formata da tre musicisti. Altri spettacoli sono stati programmati a Parco Maria, Parco del Bambino e Piazza Schettino (adiacente Fonte Salutare). Il tutto è stato possibile con un congruo contributo della Regione Campania. Un discorso a parte merita la lodevole iniziativa, a costo zero per il Comune (a parte l’allestimento delle postazioni musicali) realizzata con l’Orchestra da Camera della Campania dei maestri Piovano e Santarpino, in collaborazione con l’Azienda del Turismo di Pompei e le associazioni turistiche di categoria. L’unico neo è che nel Teatro Grande degli scavi archeologici, palcoscenico eccezionale di eventi che sono entrati nella storia artistica internazionale degli ultimi quarant’anni, non sono previste manifestazioni per questa estate. Il Teatro, oggetto di un restauro imponente che ha suscitato molte polemiche ed un procedimento giudiziario, doveva accogliere, come ha spiegato Tortora, manifestazioni del San Carlo. Non è andata così. In ogni caso i turisti che arriveranno anche quest’anno numerosi avranno di che incantarsi nelle notti magiche estive del Parco archeologico di Pompei, perché si replicherà l’incanto de “Le Lune di Pompei”. MARIO CARDONE Clicca qui per scaricare i programmi degli eventi 1 Clicca qui per scaricare i programmi degli eventi 2 Clicca qui per scaricare i programmi degli eventi 3