A cura della Redazione
Torre Annunziata - Passaggi a livello chiusi per troppo tempo, petizione nei quartieri Rovigliano e Deriver

 

I Comitati di Quartiere Rovigliano e Rione Deriver hanno presentato una petizione popolare, corredata da 157 firme di cittadini, e consegnata al sindaco di Torre Annunziata Giosuè Starita, all'assessore alla Viabilità Michele Pagano, e alla Commissione Viabilità presieduta dal consigliere comunale Bruno Avitabile, per chiedere l'ammodernamento dei sistemi di controllo dei passaggi a livello che delimitano la tratta ferroviaria lungo via Provinciale Schiti.

Vincenzo Gallo e Ciro Bruno, rispettivamente presidenti dei Comitati Rovigliano e Deriver, chiedono all'Amministrazione comunale di intercedere con Trenitalia affinché i disagi per i residenti vengano al più presto eliminati.

«Chiediamo che restino chiusi il tempo necessario al passaggio dei treni - scrivono Gallo e Bruno nella nota indirizzata al Comune e protocollata martedì 3 maggio - e non come avviene attualmente, dove i tempi minimi di chiusura superano abbondantemente i dieci minuti e spesso si protraggono fino a venti minuti. Ciò non è più tollerabile con le tecnologie attuali. Cosa succederebbe in caso di assistenza sanitaria d'urgenza?».

La questione, già affrontata in un nostro servizio, è divenuta tanto più impellente da quando sono iniziati i lavori alla bretella di collegamento Porto-autostrada, che di fatto hanno "isolato" i due quartieri dal resto della città. Gli accessi, infatti, nell'area sono possibili solo da via Provinciale Schiti, dopo la chiusura al transito di un tratto di via Terragneta, quello che si immette su via Roma. Pertanto gli unici sbocchi per chi abita nella stessa via Terragneta, ma anche in via Mortelleto, via Giovane Italia, via Pascoli, via Magenta, via Postiglione e via Solferino sono rappresentati dai due passaggi a livello in via Provinciale Schiti.

Nelle scorse settimane, era stato anche il consigliere comunale Pd Massimo Papa a chiedere l'intervento del sindaco e dell'assessore alla Protezione Civile, Fausta Cirillo, in merito alla vicenda. 

La problematica non attiene solo a questioni di mera viabilità ma soprattutto di sicurezza e libertà dei movimento dei cittadini.

Per essere sempre aggiornato clicca "Mi Piace" sulla nostra pagina Facebook