A cura della Redazione
Scuola "Parini", iniziati i lavori di manutenzione. Parla l´assessore Savarese Sono iniziati i lavori di manutenzione alla scuola media "Parini" di via Murat a Torre Annunziata. Ad annunciarlo è l´assessore alla Pubblica Istruzione, Francesco Savarese, per il quale «l´impegno dell´Amministrazione comunale è rivolto principalmente ad un settore, quello dell´educazione, di vitale importanza per la collettività, e soprattutto in un contesto ambientale difficile come il Quartiere Murattiano». Gli interventi prevedono, in questa prima fase, la completa rimozione e conseguente sostituzione dei servizi igienici, il rifacimento dei gradini posti all´ingresso dell´Istituto e la sostituzione degli infissi posti sul lato esterno. La prossima settimana, invece, verranno posizionate le nuove porte delle aule, «non perché siano usurate ma perché sono state vandalizzate», continua Savarese. «Questo sarà solo un primo step - commenta l´assessore -. I lavori, che erano divenuti urgenti, consentiranno agli alunni di poter frequentare le aule al caldo e senza essere esposti alle intemperie. In estate - prosegue Savarese -, quando la scuola interromperà le proprie attività didattiche, ultimeremo il restyling della struttura con la totale ritinteggiatura ed il rifacimento dell´impianto elettrico. Inoltre, sottolineo che la "Parini" era già stata interessata di interventi di manutenzione, con l´impermeabilizzazione dei solai avvenuta qualche mese fa». L´attenzione verso la scuola "Parini" è giustificata anche dal fatto che dal prossimo anno scolastico, l´Istituto ospiterà gli alunni provenienti dal plesso di via Margherita di Savoia, che verrà soppresso e trasferito proprio in via Murat. «Lavoriamo per garantire la funzionalità del plesso scolastico - dichiara Savarese - perché riteniamo che la lotta alla criminalità e all´illegalità passi per l´educazione. La Scuola, come istituzione, rappresenta il primo baluardo di una società civile proprio contro l´illegalità ed il malaffare, in special modo in contesti difficili. I ragazzi devono ricevere un´istruzione adeguata in strutture che siano altrettanto adeguate». Capitolo scuola di via Isonzo. In queste settimane, si è tanto discusso della scelta dell´Amministrazione di dedicare parte della struttura all´accoglimento degli sfollati di Palazzo Fienga. Una decisione che ha suscitato polemiche soprattutto da parte dei genitori degli alunni. «Non possiamo considerarla una sconfitta per l´istituzione scolastica - ha dichiarato Savarese -. La permanenza delle famiglie provenienti da Palazzo Fienga sarà del tutto provvisoria. C´era bisogno di fronteggiare un´emergenza ed il Comune ha fatto tutto il possibile per garantire una sistemazione adeguata agli sfollati». In relazione alla scuola di via Isonzo, l´assessore annuncia anche che sono state installate le caldaie che consentiranno il riscaldamento delle aule e dei locali che accolgono gli sfollati di Palazzo Fienga. «Stiamo facendo tanto per la scuola nella nostra città - afferma Savarese -. E il nostro impegno proseguirà in questa direzione, affinché venga migliorata la situazione. Abbiamo già acquistato, ad inizio anno scolastico, trenta nuovi banchi ed accantonato la somma di 10 mila euro per gli arredi scolastici. Sulla scuola e l´istruzione profonderemo tutti gli sforzi possibili». Intanto, buone notizie arrivano anche dai box di via Tagliamonte, che ospitano parte delle famiglie evacuate da Palazzo Fienga. E´ stato risolto il problema legato alle infiltrazioni d´acqua dal soffitto, dovute all´otturazione dei fori per il deflusso. DOMENICO GAGLIARDI