A cura della Redazione
"Decoro Urbano", iniziativa dei Giovani Democratici di Torre Annunziata I Giovani Democratici, la giovanile politica del Partito Democratico, ha incontrato il sindaco di Torre Annunziata, Giosuè Starita. Al centro della discussione, l´emergenza rifiuti nella città oplontina, soprattutto in alcune aree della periferia. I giovani del Pd hanno proposto l’installazione di una applicazione (scaricabile da smartphone, tablet e pc) che prende il nome di “Decoro Urbano” e permette ai cittadini di segnalare e denunciare, attraverso foto ed in tempo reale, problemi o disfunzioni varie: gestione dei rifiuti, manutenzione e segnaletica stradale, degrado nelle zone verdi, vandalismo e affissioni abusive. «Il tutto è interamente a costo zero - spiegano in un comunicato i GD - per l’Amministrazione comunale, poiché il sistema sfrutta una piattaforma on line ed ha un alto impatto sociale, giacché permette al cittadino di interagire con il Comune per combattere il grave fenomeno del degrado urbano in ogni sua forma. Il cittadino “attivo” - proseguono i Giovani Democratici - può scaricare sul proprio smartphone, scaricabile gratuitamente per iPhone e Android, avvalendosi del suo profilo Facebook per eseguire l’accesso al servizio, laddove l’amministrazione ci mette il servizio il cittadino deve metterci la faccia pena l’annullamento della segnalazione. Crediamo che questa applicazione possa essere un concreto aiuto e forma di responsabilizzazione per gli stessi cittadini che possono contribuire in prima persona ed avere un ruolo fondamentale nella tutela e salvaguardia della città». Alcune segnalazioni già sono state registrate, «ed entro la fine del mese di giugno dovremmo anche avere la possibilità di vedere rimossi alcuni cumuli di rifiuti presenti in alcune zone della città. Zone interessate: Via Sepolcri 58, Via Caracciolo, Via Vesuvio (Parco Carbone), manutenzione e pulizia Litorale Marconi (zona giardini pubblici), Zona Porto», sottolineano i giovani del Pd. «Torre Annunziata e i torresi - continuano -, se vogliono iniziare a cambiare, devono sentirsi, tutti, responsabili del proprio vivere quotidiano dobbiamo cominciare ad intraprendere un cammino di civilizzazione e di rispetto per la nostra città. Se crediamo di risolvere i problemi puntando il dito contro l’amministrazione comunale stiamo perdendo la partita prima del fischio d’inizio. Cittadini, siamo chiamati a responsabilizzarci per far rinascere Torre Annunziata. Non esistono eroi o santi qui, esiste solo il collettivo che deve rendersi conto che solo grazie all’aiuto di tutti possiamo migliorare; senza rivoluzioni, solo amando il proprio territorio». Per seguire gli sviluppi dell´iniziativa, è possibile interagire con i Giovani Democratici attraverso gli hashtag su twitter: #StopRifiuti, #TorrePulita, #GiovaniDem.