A cura della Redazione
Grande Progetto fiume Sarno, il M5S accusa i politici torresi Il MoVimento 5 Stelle Torre Annunziata continua a criticare il "Grande Progetto fiume Sarno". I grillini, in questi mesi, hanno sollevato più di un dubbio circa la reale portata degli interventi che, lo ricordiamo, afferiscono all´assetto idrogeologico del territorio, con la creazione di una seconda foce, e non alla bonifica dello stesso fiume. Tra le zone interessate dai lavori, dell´importo di svariati milioni di euro, c´è anche Rovigliano. «Si parla di Rovigliano e del fiume Sarno. “Un’opera di completamento finalizzata al disinquinamento del fiume”. Sbagliato! E’ un’opera idraulica che assolutamente non prevede opere di disinquinamento del fiume, né tende a mitigare o addirittura annullare i danni alla salute - scrive il portavoce del MoVimento, Orfeo Mazzella -. Non a caso c’è una forte incidenza di cancro e altre malattie rispetto al resto della popolazione. Il sindaco Starita, la Giunta e il Consiglio comunale hanno dimostrato superficialità nell’affrontare il problema, o volutamente lo hanno tenuto nascosto per non allarmare la cittadinanza? Il Grande Progetto fiume Sarno è stato inviato da ARCADIS (l´Agenzia Regionale per la Difesa del Suolo, ndr) a tutti i sindaci che a loro volta avevano l’obbligo di informare il più capillarmente possibile la popolazione e tutti, diciamo tutti, dal semplice cittadino al primo cittadino per consentire di fare osservazioni in merito alla fattibilità. Bene, o meglio male! Noi diciamo arroganza, strafottenza e ignoranza! Arroganza perché non dobbiamo dare conto a nessuno, Strafottenza perché, succeda quel che succeda, interessano poco i risultati per il popolo. Ignoranza perché a dire il vero era un po’ complesso da comprendere e le cose impegnative richiedono tempo e abbiamo altro da fare! Il sindaco Starita, in modo superficiale e riduttivo, affiancandolo a una contropartita di pochi posti di lavoro, esordì dicendo che il progetto sarebbe stata un’opportunità. E´ vero, un’opportunità di scempio del territorio e incremento di malattie». L´affondo del M5S si conclude con un vero e proprio j´accuse nei confronti di diversi consiglieri comunali. «In conclusione alcuni si è capito chiaramente che sapevano, altri dicono di non sapere, altri ancora fanno capire di sapere ma non prendono posizione. Un insieme di cattiva fede, disinteresse per i cittadini e mancanza voluta o meno di indirizzo politico per una questione che ha permesso a operatori esterni di mettere le mani sul nostro comune, e ora che il Movimento 5 Stelle Torre Annunziata ha scoperchiato questo secchio è iniziata la rincorsa al recupero dell’ormai persa credibilità. Prima o poi si tornerà alle urne e nessuno di questi vuole perdere la “zuppa”», conclude il comunicato.