A cura della Redazione
L´Interact dona elettrocardiografo all´ospedale di Boscotrecase Due iniziative importanti hanno sancito la chiusura dell’anno Interactiano del Club Pompei Oplonti Vesuvio Est. Entrambe hanno saputo coniugare l’arte con la beneficenza, e portato in primo piano le esigenze dei bambini. Il primo evento si è svolto al Teatro S. Francesco di Paola di Torre Annunziata, dove l’associazione “Gli Amici di Elia Rosa” si è esibita in uno spettacolo musicale per raccogliere i fondi da destinare alla restaurazione dell’organo a canne della Basilica Maria SS. della Neve. All’ottima, e a tratti sorprendente prova dei ragazzi, si è unita la performance gioviale di Ignazio Laiola, improntata sulla riproposizione della canzone classica napoletana. Presente e orgoglioso Mons. Raffaele Russo, rettore della Basilica, che ha ringraziato l’Interact, sottolineando al contempo l’importanza che la musica può avere nel processo di miglioramento della città e di recupero di bambini che sembrano aver perduto la speranza. All’Ospedale di Boscotrecase, invece, il presidente incoming dell’Interact, Rita Spano, ha consegnato al primario di Pediatria, Renato Vitiello, un elettrocardiografo, frutto del lavoro di un anno intero. Il presidente del Club Rotary Pompei Oplonti Vesuvio Est, Alberto Lezzi, ha ringraziato tutti per l’impegno e la dedizione costanti: «Il Rotary - ha sottolineato Lezzi - sogna e realizza i progetti. Dico grazie a tutti per aver lavorato tutto l’inverno per raccogliere i fondi e darne frutto a fine anno». Un’iniziativa che ha dotato l’Ospedale di Boscotrecase di un apparecchio fondamentale per la diagnosi delle problematiche cardiache dei piccoli pazienti ricoverati nel reparto di Pediatria. Non è mancato il momento di convivialità, tra brindisi e festeggiamenti. Infine, l’Interact ha donato alle Suore Francescane S. Antonio, dell’Istituto “Gesù Bambino” di Torre Annunziata, un televisore di ultima generazione ed un proiettore da utilizzare per le attività ludiche con i bambini. Gesti di beneficenza e solidarietà che fanno onore ai ragazzi dell’Intercat. FEDERICA BARBI