A cura della Redazione
Primo maggio e caos trasporti, Vetrella: «Ferma condanna atti di vandalismo» «Depreco fortemente gli episodi di vandalismo che hanno interessato alcune corse della Circumvesuviana durante la giornata del Primo maggio, determinando il blocco della circolazione e momenti di caos. A causa dello sconsiderato comportamento di pochi idioti l’intera comunità dei cittadini campani viene marchiata, all’esterno, come incivile». A dichiararlo è l´assessore regionale ai Trasporti, Sergio Vetrella (foto). Il giorno della Festa del Lavoro si è trasformato, per migliaia di cittadini e turisti, in un vero e proprio calvario. Gli atti vandalici, unitamente alla carenza di treni della ormai ex Circumvesuviana, legata alle sempre minori risorse destinate al trasporto pubblico dalla Regione, ed all´elevato flusso di viaggiatori, hanno determinato il caos in diverse stazioni, con i convogli che sono stati bloccati e che non hanno potuto raggiungere le loro destinazioni. «I danneggiamenti - prosegue l´esponente della giunta Caldoro - provocano esorbitanti costi per la collettività oltre, ovviamente, a pregiudicare il diritto dei cittadini a muoversi liberamente sul proprio territorio. Se poi consideriamo che tali azioni sono state compiute proprio in un momento in cui maggiore era l’afflusso di utenti sulla rete, data la soleggiata giornata festiva che ha spinto in tanti a muoversi con il trasporto pubblico, tali comportamenti appaiono ancor più insopportabili. Ho comunque immediatamente chiesto alla società una dettagliata relazione sull’accaduto ed ho presentato un richiesta alla Prefettura di Napoli per un incontro in cui si esamini il problema da un punto di vista operativo per mettere in campo soluzioni idonee, anche in vista del prevedibile aumento del traffico verso le località turistiche. Ma il mio impegno su questo fronte va avanti già da tempo, visto che, purtroppo, tali episodi si ripetono con una certa frequenza. Già da tempo ho richiesto alle prefetture di affiancare la polizia giudiziaria ai controllori. La stessa richiesta l’ho rivolta alle province ed ai comuni per le forze dell’ordine sotto le loro rispettive giurisdizioni. Ma mi è stato risposto che, sia per motivi di budget che per motivi giuridici tali soluzioni non sono praticabili. Naturalmente - ha proseguito l´assessore - non mi sono fermato davanti a questi ostacoli. Per questa ragione, fermo restando che le azioni messe in campo non esauriscono il mio impegno per debellare questa piaga, nella legge finanziaria regionale, recentemente approvata dal Consiglio, è stata inserita una norma che prevede agevolazioni tariffarie, sull’intera rete regionale, per le forze dell’ordine, la cui presenza sui mezzi di trasporto può certamente garantire condizioni di minore pericolosità. In questi giorni la mia struttura sta lavorando per predisporre le regole attuative di tale norma. Rivolgo infine un particolare ringraziamento ai lavoratori che con grande impegno, in brevissimo tempo, sono riusciti a riparare i treni vandalizzati. Sono questi gli esempi positivi di cui purtroppo i nostri media raramente si occupano. Comunque è indispensabile che l’Eav vada avanti velocemente con il piano di manutenzione straordinaria, mantenendo le promesse fatte, per aumentare il numero dei treni e rientrare presto alla normalità», ha concluso Vetrella.