A cura della Redazione
Il Sindacato "Polizia Nuova" solidarizza con i manifestanti di Terzigno Il Sindacato Polizia Nuova vuole raccontare le tante verità nascoste ed è solidale con i cittadini di TERZIGNO! Vuole raccontare dello scandalo continuo rappresentato da un Comune, quello di Napoli, che vive in perenne emergenza da oltre 20 anni e che fa pagare lo scotto di questi scandali senza fine ad altri cittadini innocenti. Lo scandalo rifiuti è sotto gli occhi di tutti, dove la metropoli napoletana produce oltre il 65% dei rifiuti e li sversa in quei piccoli Comuni e in quei territori sani che mai riusciranno a sopportare uno sversamento di quella immane portata. I cittadini di Terzigno, Boscoreale, Torre del Greco, Torre Annunziata, Trecase, Boscotrecase e Poggiomarino sono ostaggi di quella cattiva politica a cui non interessa se la raccolta dei rifiuti viene realizzata; i rifiuti non vengono sversati nel comune di Napoli ma a casa altrui, privando questi dei loro diritti, del loro territorio e mettendo in serio pericolo la loro salute. Questo, in uno Stato che si definisce democratico, è inconcepibile! Ogni Comune deve pensare ai propri rifiuti e non danneggiare la salute degli altri! Tutti fanno la raccolta differenziata e il comune di Napoli, in modo menefreghistico, fa solo proclami su questo e sversa non in casa propria ma in casa di altri con la scusa di non avere possibilità per farlo. Perchè, anzichè sprecare miliardi di euro in questo modo, non impiegano i disoccupati per la raccolta differenziata? Oltre a questa incredibile e consapevole vergogna, i tutori dell´Ordine sono costretti, da anni e con costi astronomici, a dovere eseguire degli ordini che comprendono anche azioni di forza verso quei cittadini che stanno chiedendo aiuto dallo Stato perchè la loro salute e quella dei propri figli sono in pericolo. Le Forze dell´Ordine appartengono ad uno Stato democratico che deve combattere la criminalità e non le persone per bene! Perchè lo Stato non interviene contro il Comune di Napoli che ha massacrato con i suoi rifiuti prima una intera Nazione, poi una regione, ed oggi, tutta la provincia? Siamo vicini alle elezioni, lo sappiamo, ma questo non giustifica questo massacro verso i giusti. Risolvete il caso Napoli! Qualcuno prenda le redini della Città di Napoli, commissariatela, faccia in modo che quel 65% di rifiuti scandalosamente indifferenziati non vengano trasferiti altrove e che quel Comune provveda da sè allo smaltimento ed esegua le procedure stabilite. La politica intervenga veramente e seriamente su questa questione; la situazione è già precipitata ed i cittadini della provincia sono in pericolo! Il Sindacato Polizia Nuova resta solidale con quei cittadini e chiede che i loro diritti, compreso quello alla vita, vengano rispettati! Il Segretario Generale DI MARIA Pasquale