A cura della Redazione
Zona franca urbana, il decreto (ri)firmato da Scajola ora è da Tremonti «Siamo quasi arrivati alla fine». Claudio Scajola sorride quando parla di zone franche urbane. Torre Annunziata è fra le 22 aree scelte dal governo, ma i finanziamenti non arrivano. Il ministro dello Sviluppo economico ieri è rassicurante: «Abbiamo cominciato a lavorare un anno e mezzo fa sulle Zfu , e ci eravamo arenati nello scorso dicembre sul regolamento d´attuazione», racconta Scajola, «con qualche difficoltà al ministero dell´Economia». Sì, insomma, da Giulio Tremonti. Scajola prosegue con l´iter: «Con qualche modifica abbiamo riconfermato il decreto che ho firmato nella scorsa settimana. Ora è al ministero dell´Economia». Di nuovo da Tremonti. Il ministro nella conferenza stampa ricorda che per le zone franche urbane il governo dal 2007 con la Finanziaria ha stanziato 100 milioni di euro in due anni. Alla Zfu oplontina ne toccherebbero oltre 5, che però potrebbero aumentare con il finanziamento regionale. Tutti bloccati da Tremonti. Scajola ricorda che in Francia dove le Zfu sono partite da oltre un decennio, negli ultimi 4 anni i redditi dei territori aiutati con questo sistemi sono aumentati. «Speriamo anche qui», dice. Poi sempre su domanda parla di Fas, i fondi per le aree sottoutilizzate. Sono bloccati? «Niente affatto», risponde il ministro, «ma i Fas erano ridotti in mille rivoli, vogliamo riprogrammarli orientandoli con la nuova amministrazione regionale». Non specificando se questo avverrà con la vittoria di Caldoro o anche con quella di De Luca.