A cura della Redazione
Cittadella Commerciale, la Polizia Provinciale sequestra il cantiere Stop ai lavori della Cittadella commerciale di traversa Andolfi. La Polizia Provinciale ha sequestrato il cantiere dove si stava lavorando per la costruzione della struttura. Secondo quanto appreso, il motivo è da legarsi alla mancata bonifica della falda che sarebbe inquinata da idrocarburi. Denunciato il legale rappresentante della società proprietaria dell´area. Inoltre, sono stati posti sotto sequestro anche 10 mila e 500 metri cubi di rifiuti derivanti dall´attività di demolizione, che erano in attesa di essere smaltiti. "L´intervento della polizia provinciale - ha detto il sindaco Giosuè Starita - riguarda la mancata bonifica di un sito di interesse nazionale, e per questo motivo di competenza del Ministero dell´Ambiente. Attendiamo che al più presto venga emanato un provvedimento-ponte che sblocchi la situazione e possa far riprendere i lavori per la realizzazione delle strutture commerciali". Quella della mancata bonifica ambientale di siti idustriali del nostro territorio è una questione annosa. Se si applicasse un analogo provvedimento per tutti i siti idustriali dell´area torrese-stabiese, rimarrebbero aperte ben poche fabbriche. Intanto, con lo stop dei lavori della Cittadella commerciale, un´altra tegola cade sulla nostra città rallentando ulteriormente uno dei pochi progetti industriali capaci di creare nuova occupazione.