A cura della Redazione
Nuovo Centro, il movimento politico diventa partito Pubblichiamo il comunicato di Nuovo Centro, formazione politica presente in Consiglio comunale a Torre Annunziata. La nota fa riferimento alla strutturazione del movimento politico, con l´adozione dell´atto costitutivo ed il relativo statuto L’atto costitutivo e lo statuto del movimento politico Nuovo Centro a Torre Annunziata rappresenta un primo elemento di vera e democratica strutturazione del panorama politico cittadino. La presenza di più partiti politici sul territorio costituisce la vera ricchezza e potenzialità di contributi che sono alla base di un confronto serio e proficuo di contenuti. Il confronto parte da questioni di carattere generale per arrivare alle più semplici questioni locali. Chi decide di iscriversi a Nuovo Centro si deve spogliare di vecchi schemi politici ed operare nell’unica direzione obbligata che il contesto storico ed ambientale ci consente: analizzare, discutere, confrontarsi per decidere e risolvere le tante questioni che i cittadini ci rappresentano. Solo attuando una seria politica di servizio possiamo recuperare quella sfiducia nei confronti della classe politica di cui è ormai permeata la stragrande maggioranza delle persone. Noi di Nuovo Centro riteniamo che la ricerca verso continue innovazioni che consentano un sempre più alto tasso di partecipazione alla vita politica ed amministrativa debba essere un fondamentale punto fermo. Un partito che elegge il suo gruppo dirigente per lanciarsi immediatamente dopo alla ricerca della formazione di una rete di rapporti nei quali non conta più la gerarchia ma la qualità stessa del contributo che il rapporto è in grado di generare. Un partito strutturato, radicato ma che sia anche in grado di attivare una leadership diffusa in cui emergono le doti e la creatività di molti. Un partito che sappia attivare con i propri sostenitori un legame basato sulla forza delle idee e che sappia rappresentare in modo autonomo proposte e progetti per il governo di una moderna, sviluppata e complessa comunità civile. In questa città, l’impegno che noi tutti vogliamo sottoscrivere è indirizzato su 3 punti fondamentali di carattere politico ed altrettanti di carattere amministrativo: 1. Rispettare lealmente programmi e regole sottoscritte dalla coalizione di maggioranza; 2. Mantenere distinti ed autonomi i livelli istituzionali e di governo da quelli del partito; 3. Limitare atti di trasformismo politico. Per quanto riguarda i Temi amministrativi si possono condensare in: 1. Sicurezza e vivibilità; 2. Sviluppo ed occupazione; 3. Politiche per la persona. Notevole è stata l’accelerazione impressa dal Sindaco Starita su tutti i fronti legati al contrasto della criminalità, a partire dall’insediamento del Comando Gruppo dei Carabinieri fino al completamento del Tribunale; lo sgombero di Palazzo Fienga avvenuto il 15 gennaio scorso deve diventare l’immagine di una Città che si è messa definitivamente alle spalle un periodo caratterizzato da ombre e paure e che inizia un nuovo percorso di riscatto e di orgoglio per la propria identità.Il concetto di sicurezza passa però sempre più attraverso una vera e propria bonifica sociale del tessuto urbano della nostra città: maggiore pulizia delle strade, migliore illuminazione, locali commerciali aperti, adeguato arredo urbano e verde pubblico, ecc. migliorano sensibilmente la sensazione di sicurezza nel vissuto quotidiano. Grandi passi avanti sono stati fatti con l’attivazione della ZFU, con l’attivazione del project-financing della Pubblica Illuminazione e con la notte bianca del 23 dicembre scorso; bisogna continuare su questa strada ed essere più incisivi e coraggiosi soprattutto per quanto riguarda i servizi erogati dalla società Prima Vera srl. Puntare in maniera seria e decisa come volani di un nuovo sviluppo sulla Risorsa Mare, sulle risorse archeologiche, sulle bellezze paesaggistiche, sui prodotti di nicchia, sul recupero del Centro Storico senza dimenticare le importanti risorse già stanziate per lo sviluppo dell’area industriale e per il rilancio delle attività portuali. Concretizzare gli annosi impegni previsti,dal Protocollo Aggiuntivo del Contratto d’Area (P.T.W.). Accelerare i procedimenti per una soluzione prospettata per l´annosa questione dei diritti di superficie. Realizzare le infrastrutture già finanziate (bretella porto/autostrada, stazione di via Settetermini, completamento rete fognaria) ed andare alla ricerca delle risorse per le infrastrutture da realizzare (copertura trincerone ferroviario). Riqualificare i quartieri del Centro Storico (Provolera, Murattiano, Carceri e Vicoli della Marina) per rilanciare le grandi risorse culturali, archeologiche ed architettoniche ivi contenute (scavi di Oplonti, Real Fabbrica d’Armi, Pastificio Setaro, ecc.). Valorizzare fortemente la risorsa Mare con tutti i suoi annessi e connessi (Porto, fascia di costa, lidi, ecc.) ed infine continuare sulla strada del recupero del forte degrado urbanistico ed ambientale delle periferie con la creazione di una vera e propria Città policentrica che sappia distribuire funzioni e servizi su tutto il territorio comunale. Abbiamo bisogno di descrivere con attenzione il livello e la quantità dei servizi socio-sanitari erogati sul ns. territorio, promuovendo azioni e proposte per migliorare la qualità delle offerte. Vogliamo lavorare nella direzione di integrare e distribuire al meglio sul territorio le iniziative pubbliche e private e pur consapevoli dell’elevato impegno già presente su tale settore bisogna sviluppare ed ulteriormente migliorare le attività sviluppate dal Piano Sociale di Zona sul nostro Ambito. E’ opportuno a circa 8 mesi di distanza dall’insediamento della nuova maggioranza fare un punto sulle questioni da noi sollevate; stiamo assistendo negli ultimi periodi a diversi tristi tentativi di ridimensionare il ruolo ed i risultati di Nuovo Centro. Siamo consapevoli, invece, che Nuovo Centro da esperimento politico qual era si è trasformato in una efficace realtà che, con il giusto lavoro politico di coordinamento, potrà radicarsi ancora di più sul territorio e migliorare i già ottimi risultati conseguiti. Forti di questa convinzione non temiamo di affermare che siamo pronti ad assumere responsabilità che richiedono un salto di qualità nella nostra funzione e nei compiti assegnatici all’interno della coalizione di maggioranza. Comunicato