A cura della Redazione
Tratta Fs Napoli-Salerno, SEL: ripristinare servizi per utenza «E’ inammissibile che i cittadini campani e i pendolari che usufruiscono delle Ferrovie dello Stato per raggiungere Napoli e Salerno siano ancora una volta penalizzati da una Giunta Regionale che a causa del proprio immobilismo provoca danni pari a quanti ne comportano gli agenti atmosferici connessi a crolli di carattere idrogeologico». E’ quanto afferma il deputato campano di Sinistra Ecologia Libertà, Arturo Scotto, riferendosi alla frana che ha interrotto da più di un mese e mezzo la tratta FS Napoli-Salerno all’altezza di Portici, a causa di un crollo del muro di contenimento di villa D’Elboeuf. «I pendolari napoletani - prosegue Scotto - già subiscono lo smantellamento della Circumvesuviana dove i ritardi, corse soppresse e carrozze fatiscenti sono l’indegno spettacolo quotidiano. Molti di questi utenti avevano preferito proprio le FS per il loro soddisfare i bisogni di spostamento. Da oltre un mese ciò non è più possibile, la frana ha interrotto il servizio – sostituito da quello su trasporto su gomma – ed i cittadini sono costretti a ripiegare su mezzi propri innalzando i livelli di traffico e di smog». «A Torre Annunziata in particolare – aggiunge il segretario cittadino di Sel, Massimo Napolitano – il blocco dei treni sta provocando i disagi maggiori, non solo perché non è possibile più usufruire del servizio per l’utenza che raggiungeva la stazione di Torre Centrale dai paesi limitrofi vesuviani e dalla costiera sorrentina, ma anche perché il piazzale antistante la stazione è diventato il luogo di sosta dove i bus sostitutivi fanno da navetta con Napoli e Salerno e che, attraversando tutta la zona urbana, causano un peggioramento dei valori dell’inquinamento cittadino». «Chiediamo al governatore Caldoro - conclude Scotto - di investire in una seria politica del trasporto pubblico che tenga conto delle esigenze di chi usufruisce dei mezzi pubblici e che si attivi immediatamente per sollecitare gli attori coinvolti nel rimuovere al più presto la frana che ostacola il trasporto ferroviario della tratta a valle del Vesuvio Napoli-Salerno per consentire a tutti i cittadini e ai pendolari di spostarsi in maniera efficace non usufruendo dei mezzi privati causa principale dell´inquinamento urbano». COMUNICATO