A cura della Redazione
Sel, attacco al sindaco Starita: spettacolo penoso Pubblichiamo la nota a firma del circolo cittadino di Sinistra Ecologia e Libertà di Torre Annunziata. Il comunicato affronta la questione legata alla crisi politica nella città oplontina. Non è piacevole affermare “l’avevamo detto”, ma i fatti riportati dalla stampa nelle ultime settimane confermano l’analisi che SEL ha fatto in quest’anno e più che ci divide dalle scorse elezioni amministrative. L’assenza di qualsiasi risultato tangibile nell’attività dell’Amministrazione Comunale, le contraddizioni insite nella formazione di una Giunta la cui cifra è stata l’incompetenza e le continue beghe di palazzo, rendono evidente la distanza incolmabile con i cittadini, le cui esigenze e problematiche rimangono fuori dalla discussione politica del Consiglio Comunale. Di tutto si parla tranne che dell’emergenza lavoro, di una gestione efficace delle politiche per l’ambiente e dei servizi. Anche la recrudescenza della microcriminalità e della violenza camorristica diventa oggetto dei soliti comunicati di rito. Questa che sta per finire sarà l’estate dei manifesti, smentite, contro-smentite, che sanno tanto di giustificazioni non richieste. Niente di più del confronto sterile a cui ci hanno abituato maggioranza e opposizione in Consiglio Comunale. Se davvero il Sindaco avesse maturato la “rottura” di cui si parla sulla base di un’autocritica e di una reale volontà di cambiamento ne saremmo lieti. La recente storia politica di Starita e della sua maggioranza, però, non lasciano spazio all’immaginazione, anzi si sente forte il profumo di una possibile “restaurazione”. Il Sindaco un anno fa pur di rimanere al suo posto si è messo alla testa di una coalizione politicamente impresentabile, che ha portato nei mesi scorsi la città e le sue Istituzioni ad un degrado che potrebbe culminare nello scioglimento del Consiglio Comunale. SEL rimane in attesa che ci sia un definitivo chiarimento della situazione politica e nel frattempo continuerà a lavorare per una prospettiva di cambiamento concreto, che passa attraverso la ricostruzione in questa città di una sinistra che dismetta i “personalismi” e torni a parlare con le persone in carne ed ossa. Se chi governa non è in grado di farlo, invece di farci assistere allo spettacolo penoso di questi giorni, metta in atto un gesto ben più dignitoso, si dimetta. COMUNICATO SEL TORRE ANNUNZIATA