A cura della Redazione
Savoia, si dimette il direttore generale Carmine Salvatore Un altro scossone societario caratterizza il dopo-sconfitta con la Gelbison. All´esonero dell´allenatore Pasquale Vitter, sostitutito da Salvatore Amura, seguono le dimissioni del direttore generale del Savoia, Carmine Salvatore, ufficializzate in un comunicato della società. «Nelle ultime ore si è verificato quello che mai mi sarei aspettato dal mio ingresso nel mondo del calcio e, in particolare, dall’investitura di direttore generale dell’A.C. Savoia 1908 - spiega Salvatore -. Sono sempre stato consapevole che un ruolo così facoltoso, come quello ricoperto sin ora, si presta quotidianamente anche a critiche, problematiche e incomprensioni, ma ad oggi ritengo superato ogni limite e per questo motivo rassegno le mie dimissioni. Alcune dichiarazioni apparse nelle ultime ore, confronti avuti in città e altre opinioni lette sul mio conto sui social network, mi inducono a questa scelta molto dolorosa ma sicuramente necessaria. Ribadisco che dietro l’esonero dell’allenatore Pasquale Vitter - prosegue il dirigente - non c’è alcuna mia regia, che si è trattata di una scelta tecnica e quindi non appartenente alla mia sfera decisionale, così come ribadito nella conferenza stampa di presentazione del nuovo tecnico Sasà Amura. Proprio i miei noti rapporti personali con Amura mi hanno sempre mostrato reticente sulla sua candidatura, pur stimandone professionalità e competenze. All’indomani della sua scelta mi sarei aspettato, quindi, delle critiche ma non della portata effettivamente ricevuta. Ritengo quindi conclusa la mia esperienza quale direttore generale dell’A.C. Savoia 1908, precisando di tenere fede a tutti gli impegni economici intrapresi da socio di questa compagine che resta e resterà sempre una parte indelebile di me».