A cura della Redazione
Il circolo Sel "Fonseca": «Sì alle Primarie, a certe condizioni» Pubblichiamo il comunicato a firma di Cinzia Russo (foto), coordinatrice del circolo "Eleonora Pimentel Fonseca" di Sinistra Ecologia e Libertà. La nota riguarda la scelta della coalizione e del candidato sindaco per le prossime elezioni comunali del 2012. Il Circolo SEL di Torre Annunziata “Eleonora Pimentel Fonseca” ritiene che sia indispensabile, dopo il ribaltone operato dall’attuale maggioranza “papocchio”, costruire efficaci convergenze tra il centrosinistra ed i movimenti civici che condividono il pessimo giudizio, oramai diffuso, sulla incredibile negazione della volontà del corpo elettorale. I punti di accordo vanno fondati su due pilastri: 1) un rigoroso impegno a rispettare la volontà degli elettori; 2) un programma comune fondato su : - un’analisi autocritica delle stagioni di governo passate, - il mare come risorsa fondamentale ed identitaria, - legalità e lotta alla criminalità, - lavoro e sviluppo, - riqualificazione urbana - welfare municipale. La svolta si determina in questo modo e non attraverso logori schematismi, bandierine tirate fuori per beceri calcoli di bottega, scelte autolesionistiche. Ha ragione chi biasima gli atteggiamenti altalenanti, anche recenti, nei confronti dei ribaltonisti; e, tuttavia, per carità di patria, per le sorti del centrosinistra e per l’unità delle formazioni politiche che lo compongono bisogna ragionevolmente superare queste critiche, senza omettere che tale duttilità se vale per chi si è piegato a calcoli e convenienze in tempi recenti non può non valere per chi ha compiuto - con rigorosa coerenza, traendone conseguenze sul piano della rappresentanza – tali scelte quasi vent’anni fa. Il Circolo SEL di Torre Annunziata “Eleonora Pimentel Fonseca” ritiene, pertanto, che allo stato attuale bisogna continuare a lavorare per avere una coalizione larga, fondata su un programma chiaro e principi condivisi. Non è realistico, oggi, continuare ad immaginare di agire nella politica facendo calcoli e strategie tattiche per accaparrarsi la visibilità o la tanto contesa “poltrona”. Non più! Che finalmente si operi nell’ottica della democrazia e nell’interesse della città e dei cittadini. La strada del cambiamento e della politica costruttiva è possibile e lo strumento democratico delle “primarie” come metodo per la selezione del candidato Sindaco, è senza dubbio una garanzia, attesa anche la predeterminazione dei criteri e del profilo dei candidati. Primarie svolte su un elenco di sostenitori della coalizione che dovrà essere reso pubblico almeno 15 giorni prima della consultazione. A tali primarie possono partecipare tutte le personalità che vengono indicate dai partiti e dai movimenti che sono parte della coalizione; SEL, per ragioni di serietà e coerenza, non solo non potrà sottrarsi a questa modalità ma ne dovrà essere la principale artefice, presentando, peraltro, una candidatura (propria o della società civile) in grado di suscitare quella partecipazione e quel consenso che è stato messo in campo, ad esempio a Milano ed a Cagliari. Coerenze e serietà, lungimiranza e rigore morale: il resto lasciamolo agli apprendisti stregoni delle tattiche suicide. Cinzia Russo Coordinatrice Circolo “Eleonora Pimentel Fonseca"