A cura della Redazione
L´ex segretaria cittadina di RC Coppola polemizza con Monaco Pubblichiamo la lettera pervenuta in redazione da parte dell´ex segretaria cittadina di Rifondazione Comunista Martina Coppola: Egregio Direttore, non riesco a trattenermi dall´esprimere tutta la mia perplessità circa il contenuto dell´articolo pubblicato dal Suo giornale che ha per oggetto l´inaugurazione del circolo di SEL a Torre Annunziata. Quanto affermato dal Consigliere Avv. Luigi Monaco (nella foto) durante la già menzionata iniziativa merita qualche riflessione. Com´è possibile che proprio il Consigliere Monaco affermi che “due caratteristiche preponderanti hanno contraddistinto questa Amministrazione: l´immobilismo totale ed il trasformismo esasperato”? Come può affermare ciò proprio colui che ha guidato da SINDACO una delle peggiori Amministrazioni degli ultimi decenni, basata sulla mera spartizione del potere stabilita con tanto di documento la notte prima della presentazione delle liste per le elezioni comunali del 2005, e famoso per non aver praticamente prodotto alcun atto amministrativo utile alla città se non aver generato sprechi su sprechi (uno su tutti l´acquisto dell´auto su cui viaggiava il Sindaco, costata migliaia di euro), senza tralasciare il dato importantissimo che le sedute di Consiglio, nel caso raro in cui venivano convocate, erano puntualmente rimandate perché i Signori Consiglieri non si degnavano neanche di parteciparvi? Più immobilismo di così...E, ancora, come può il Consigliere Monaco parlare di trasformismo se alle elezioni del 2007 è stato il candidato Sindaco della coalizione di centro-destra per poi ripassare al centro-sinistra una volta sedutosi tra i banchi del Consiglio Comunale? Ma davvero la politica ha la presunzione che tutti i cittadini abbiano la memoria corta, e che essa possa ripresentarsi ogni volta con un vestito vecchio rattoppato facendolo passare per nuovo? Di certo con questa lettera non intendo prendere le parti del Sindaco Starita, le cui scelte politiche incondivisibili e il cui totale disprezzo delle regole di buon governo ed in gran parte del programma elettorale meriterebbero un documento a parte, mi sembra però che accusarlo di totale immobilismo sia ingiusto se solo si pensa alla politica di contenimento dei costi che ha attuato sin dal primo giorno del suo insediamento facendo risparmiare qualche euro al Comune. Leggo inoltre che all´iniziativa erano presenti sia il segretario provinciale Giuseppe De Cristofaro (ex segretario provinciale e poi regionale del PRC nonché ex parlamentare) che Andrea Di Martino (ex segretario provinciale PRC) i quali, sin da quando il Consigliere Monaco è apparso sulla scena politica torrese (dunque in occasione delle comunali del 2005, ma soprattutto in occasione di quelle del 2007) hanno più volte espresso la loro opinione estremamente dura nei confronti di chi, come Monaco, era l´emblema del trasformismo e rappresentava, per dirla in breve, l´antitesi della buona politica visto che risultava chiaro che fosse un Sindaco fantoccio messo lì solo per garantire determinati incarichi. Ma come si possono dimenticare comportamenti del genere, come si può sorvolare su di essi fingendo che non siano mai accaduti, in nome dell´inaugurazione di una sede di partito, di qualche tessera e di qualche voto in più? Il vecchio che avanza, di nuovo non c´è proprio nulla. E´ proprio vero che la politica non ha volto, ma solo maschere da indossare a seconda dell´occasione. MARTINA COPPOLA