A cura della Redazione
Manifesto del Pd di Torre Annunziata sull´emergenza rifiuti Di seguito, il testo del manifesto del Partito Democratico di Torre Annunziata in merito alle discriche di Terzigno NO ALL’APERTURA DI CAVA VITIELLO. BASTA CON LE ECOBALLE DI BERLUSCONI Più responsabilità delle istituzioni locali Berlusconi sui rifiuti ha fatto solo spot, falsi proclami e promesse che, puntualmente, si sono rivelate vere e proprie ecoballe: • l´inceneritore di Acerra funziona parzialmente e male; • la provincializzazione dei rifiuti affidata al presidente Cesaro è un fallimento; • la decantata fine dell´emergenza rifiuti è stata una clamorosa bugia a cui si rimedia richiamando Bertolaso, uomo su cui gravano tante ombre. In più si vuole affossare l’economia dell’area e la salute dei cittadini, si vuole distruggere il Parco del Vesuvio. Per queste ragioni, il PD aderisce alla manifestazione del 30 ottobre e si batte, con i cittadini vesuviani da mesi in lotta, contro l´apertura della discarica di cava “Vitiello” e per l´immediata bonifica della cava “Sari”. Il ciclo integrato dei rifiuti richiede altresì: • l’attivazione degli impianti di compostaggio; • lo sblocco dei fondi per la raccolta differenziata da parte di Governo e Regione. Inoltre, è necessaria un’assunzione di responsabilità da parte delle istituzioni locali con una gestione oculata, trasparente ed efficiente della raccolta dei rifiuti. Ma a Torre Annunziata il Sindaco bada agli equilibri di potere e non all’efficienza del servizio nonostante, dal 2002, si occupi di rifiuti, prima come Presidente della Multiservizi, poi come Assessore alle partecipate, infine come Sindaco. Su Starita, quale presidente della Multiservizi, grava il sospetto di avere sperperato centinaia di migliaia di euro per la manutenzione degli automezzi adibiti alla raccolta dei rifiuti; in particolare, utilizzando ditte più o meno note, tra le quali si segnala l’Oplonti Service s.r.l balzata agli onori della cronaca - nel marzo 2010 - perché gravata da interdittiva antimafia! Il Sindaco del papocchio, fischiato dalla piazza, funge maldestramente da copertura, da faccia presentabile per tante consapevoli incapacità responsabili anche dell’inefficiente raccolta differenziata che andrebbe estesa a tutto il territorio, con precisi e chiari obiettivi, prevedendo anche le indispensabili isole ecologiche La società Multiservizi è stata “impoverita” ed è stata costretta a pignorare al suo stesso azionista di maggioranza – il Comune - più di un milione di euro mentre il Sindaco, mentendo spudoratamente, promette l´annullamento delle cartelle Tarsu! Né tali responsabilità si possono occultare esibendo uno striscione antidiscarica durante la processione! Starita, si dimetta. Restituisca la parola ai cittadini. Il PD d Torre Annunziata