A cura della Redazione
Angrisano al vertice della Capitaneria di Porto di Genova Il contrammiraglio Felicio Angrisano, torrese di nascita, è subentrato all´ammiraglio ispettore Ferdinando Lolli, Angrisano, a dirigere il porto di Genova. Angrisano proviene dal Comando Generale delle Capitanerie di Porto dove ha rivestito l´incarico di capo del 2° Reparto (Affari giuridici e Servizi d´Istituto). Il contrammiraglio è nato a Torre Annunziata il 1° novembre 1950, è coniugato ed ha due figli. E´ arrivato nel porto di Genova - il più grande e complesso d’Italia - nel momento peggiore. L’estate torrida, quella degli esodi a bordo dei traghetti, delle code e dei ritardi. Il periodo in cui puntualmente la città si accorge che il porto non è solo una fabbrica grigia da cui entrano ed escono navi mercantili e file di camion, ma anche un crocevia di persone. Un tempo, erano solo vacanzieri. Oggi, sono tornati i veri migranti: vanno e vengono da Germania, Francia, Austria. Con destinazione il Nord Africa, il Maghreb. È la fetta dei traffici che cresce, quella con cui il porto dovrà fare i conti nei prossimi anni. Due mesi fa Angrisano si sedeva per la prima volta dietro la scrivania di comandante della Capitaneria di porto di Genova e della Direzione Marittima della Liguria. Ma seduto, è rimasto poco.